I poveri: nostri signori padroni

I

Il giorno della sua festa,

preghiamo il Signore
per diventare più caritatevoli
al servizio dei nostri fratelli e sorelle.

Grazie Signore
per le molte grazie e benedizioni che hai posto nella mia vita.

Ti offro la mia gratitudine sentita per gli innumerevoli doni
che mi offri ogni giorno.

Signore, aiutami a essere consapevole delle esigenze dei miei fratelli e sorelle, e per rispondere a coloro
che sono poveri e meno fortunati

con espressioni generose di carità, gentilezza e cura.

Quando, Signore,
finalmente sarò al tuo cospetto,
vorrei sentirti dire:
“Vieni, o servo buono e fedele,
per condividere la gioia del Padre,
per quando mi hai visto affamato,
assetato, nudo, senzatetto, malato e in carcere, hai offerto, in mio nome, doni in carità e amore”.

San Vincenzo de’ Paoli (per la sua compassione, umiltà e generosità, è conosciuto come il “Grande Apostolo della Carità”)

Fonte: “per Carità” La dimensione contemplativa dell’incontro col povero nell’esperienza di Caritas Italiana

Di PC

  • Categorie

  • Tags

Cerca la Preghiera

La preghiera è necessaria per salvarsi; a maggior ragione lo è per raggiungere la perfezione. E' il primo mezzo, efficacissimo ed accessibile a tutti. Ci ottiene la grazia di Dio e ci dispone ad accoglierla. Alimenta in noi una mentalità di fede e ci aiuta a discernere la volontà di Dio.