A Gesù nel Getsemani

A

Sangue e sudore sul Tuo volto, o Gesù; angoscia e amore sono nel Tuo cuore.

Come allora nel Getsemani, così oggi nel tabernacolo.

Io lo credo e sono venuto in questa cripta per confortare la Tua solitudine,

per dire che Ti amo, per unire la mia angoscia alla Tua sofferenza umana

e per chiedere la forza di ripetere con Te: “Non la mia volontà, o Padre, ma la Tua sia fatta”.

Non dimenticare che hai pianto per la morte di Lazzaro,

hai mondato i lebbrosi, guarito i ciechi, i muti e liberato gli indemoniati.

Con le Tue mani bagnate di sudore e sangue presenta al Padre, Te ne prego,

le grazie di cui ho bisogno perché mi voglia esaudire.

Chiedo alla Vergine Assunta, che si trova con Te, di rendere più valida la mia preghiera.

Prometto che vedrò il Tuo volto getsemanico nel volto di ogni uomo che soffre,

cercherò di aiutarlo e accetterò il dolore come penitenza dei miei peccati.

Rimango vigilante contro il male che avanza e attendo il Tuo regno,

come la sentinella attende l’aurora.

Amen.

Di PC

  • Categorie

  • Tags

Cerca la Preghiera

La preghiera è necessaria per salvarsi; a maggior ragione lo è per raggiungere la perfezione. E' il primo mezzo, efficacissimo ed accessibile a tutti. Ci ottiene la grazia di Dio e ci dispone ad accoglierla. Alimenta in noi una mentalità di fede e ci aiuta a discernere la volontà di Dio.