Tante volte ho guardato il crocifisso

T

Signore Gesù,
tante volte ho guardato il crocifisso
e ho immaginato di essere lì, con te, sul Calvario.

Ho guardato quel crocifisso, spogliato di tutto,
privato della dignità, nudo davanti ad amici e nemici,
privato della reputazione,
spogliato dal successo, della credibilità, senza vita.

Ti ho guardato, crocifisso,
e mi è sembrato che la tua mano
si sia allungata verso la mia,
come per tirarmi su sulla croce, con te.

E ho avvertito una dolcezza e un calore infiniti.

Tirandomi verso te, sulla croce,
tu o Gesù non mi vuoi inchiodare o far morire,
ma mi vuoi donare la vita e la libertà.

Tu, o crocifisso, sei per me simbolo di una liberazione totale e suprema.

La tua croce, Gesù, è per una parabola di conquista, non di sconfitta.

Suscita ammirazione, non commiserazione.

Grazie, Signore,
perché dandomi la tua mano e tirandomi su con te sulla croce
tu mi doni la possibilità di liberarmi da tutto ciò che mi rende schiavo
e che distrugge la mia felicità.

Fisso il Crocifisso.

E più lo guardo,
e più mi sento orgoglioso di essere amato da un Dio così speciale.

Grazie, Signore!
Tu sulla croce mi hai conquistato
dandomi la prova più grande del tuo amore.

Amen.  
Don A. Saporiti

 

Di PC

  • Categorie

  • Tags

Cerca la Preghiera

La preghiera è necessaria per salvarsi; a maggior ragione lo è per raggiungere la perfezione. E' il primo mezzo, efficacissimo ed accessibile a tutti. Ci ottiene la grazia di Dio e ci dispone ad accoglierla. Alimenta in noi una mentalità di fede e ci aiuta a discernere la volontà di Dio.